I VANTAGGI

  • ECONOMICA

  • RAPIDA

  • TRASPARENTE

  • SEMPLICE

  • SICURA

  • ONLINE

Prestiti dipendenti pubblici

I finanziamenti per dipendenti pubblici

I finanziamenti per dipendenti pubblici sono prodotti appositamente pensati per lavoratori dipendenti presso un ente della Pubblica Amministrazione, non necessariamente di rilievo statale. Attraverso questa tipologia di prestiti è possibile richiedere importi anche elevati, senza dover necessariamente specificare la finalità di impiego. In questa tipologia di finanziamenti rientra la cessione del quinto che prevede il rimborso della rata in trattenuta sullo stipendio.

Le caratteristiche di un finanziamento per dipendenti pubblici

Tra i finanziamenti specificamente pensati per le esigenze dei dipendenti pubblici troviamo la cessione del quinto. Si tratta di una formula di finanziamento introdotta con il D.P.R 28 luglio 1950 n. 895: l’estinzione del prestito avviene mediante cessione di quote dello stipendio, fino al quinto dell'ammontare dell'emolumento, al netto di ritenute. Questo significa che la rata del prestito non può superare il 20% dello stipendio e che il rimborso può essere gestito direttamente dal datore di lavoro, tramite addebito in busta paga. Il rimborso può avvenire in 10 anni al massimo.

I vantaggi di un finanziamento per dipendenti pubblici

Si tratta di una tipologia di finanziamento che presenta numerosi vantaggi, economici e gestionali. Innanzitutto non vengono richiesti garanti, visto che è lo stipendio a costituire di per sè la garanzia principale. Inoltre si tratta di un prestito che prevede rate fisse e costanti per tutta la sua durata, permettendo quindi un’attenta e puntuale pianificazione del budget familiare.

Chi può richiedere un finanziamento per dipendenti pubblici

I finanziamenti per dipendenti pubblici possono essere richiesti da lavoratori dipendenti pubblici che rispondono ai seguenti requisiti:

  • Età minima 18
  • Residenza in Italia
  • Assunzione a tempo indeterminato

Documenti necessari per richiedere un finanziamento per dipendenti pubblici

  • Un documento d'identità valido
  • Il codice fiscale
  • L'ultima busta paga
  • La Certificazione Unica (ex CUD)
  • Certificato di stipendio o Attestato di servizio

Garanzie

In questa tipologia di finanziamenti non vengono richieste garanzie specifiche in quanto è lo stipendio a garantire la solvibilità del cliente.

Gli elementi del contratto

La legge stabilisce che un contratto di finanziamento per dipendenti pubblici debba contenere alcuni elementi, volti a fornire un quadro completo delle caratteristiche del prodotto e dei servizi offerti, a tutela del consumatore. In particolare vengono indicati:

  • il tasso di interesse praticato;
  • ogni altro prezzo e condizione applicati, inclusi i maggiori oneri in caso di mora;
  • l'ammontare e le modalità del finanziamento;
  • il numero, gli importi e la scadenza delle singole rate;
  • il tasso annuo effettivo globale (TAEG);

Estinzione anticipata

La normativa in materia stabilisce che un prestito con cessione del quinto possa essere estinto in qualsiasi momento, previo versamento dell’importo del debito residuo. In alcuni contratti è prevista una penale di estinzione anticipata, che non può superare l’1% del capitale residuo. In caso di estinzione anticipata, non potranno essere recuperate le spese di istruttoria e l’imposta di bollo. Se il contratto lo prevede, possono essere invece recuperate in parte le commissioni bancarie.

I criteri di valutazione

Anche per i finanziamenti per dipendenti pubblici le banche e le finanziarie effettuano screening di valutazione dell’affidabilità creditizia. Solitamente, seppur lo stipendio costituisca già di per sè una garanzia, si effettuano in ogni caso controlli sulla base delle politiche di rischio del singolo istituto e sull’affidabilità creditizia del richiedente, stimando il rischio connesso a ciascuna richiesta.

Le condizioni

I principali istituti di credito hanno prodotti specifici per i finanziamenti ai dipendenti pubblici, con caratteristiche che variano da istituto a istituto. E’ dunque opportuno leggere attentamente le condizioni del contratto proposto ed eventualmente confrontarle con altri prodotti.